Il mio anno sabbatico è finito, si torna a casa

anno sabbatico
Foresta pluviale, Cameron Highlands (Malesia) – © Mauro Proni 2012

Quasi 7 mesi di viaggio
6 Paesi
Oltre 70 città
3 gastroenteriti
Centinaia di persone
Migliaia di sorrisi.
Questo è il bilancio del mio anno sabbatico che si conclude oggi, con un volo Uzbekistan Airlines da Bangkok.
Gli inglesi lo chiamano anno sabbatico, che si tratti davvero di un anno poco importa.
È un’esperienza che consiglio a tutti, non servono tanti soldi per poterla fare, non serve conoscere l’inglese alla perfezione, ma solo tanto coraggio di mettersi in discussione e rinunciare a qualche comodità. Torno in Italia, per poco, perché da ottobre mi trasferisco in Laos.
Anche se torno con qualche soldo in meno oggi mi sento l’uomo più ricco del mondo.
Arrivederci Asia.

Rispondi