Una psicologa in Laos [parte quinta]

psicologa in LaosUna psicologa in Laos [parte quinta] Sotto il sole, seduta su una seggiola davanti all’ingresso della scuola, Christiana attende che qualcuno la faccia entrare. Boum, una delle ragazze dello staff, ha chiuso il cancello ed è andata a dormire. Sono le undici del mattino.
La psicologa, che alloggia al piano superiore dell’ufficio della scuola, è per strada, senza un soldo, un mezzo di trasporto, una persona con cui parlare. Le presto 100.000 kip – 10 euro circa – per comprarsi qualcosa da mangiare. «Ma possibile che in questo paese quando non guardano le soap opera dormono?», si chiede irritata.
Forse Christiana comincia a capire dove si trova.

Vai alla sesta parte

Un pensiero riguardo “Una psicologa in Laos [parte quinta]

Rispondi