Ragazze lao: istinto o ragione? [cap.2]

ragazza di Luang Prabang
Le ragazze che lavorano nelle località più turistiche a volte riescono a conservare intatta la loro integrità morale | © foto Mauro Proni 2014

Capitolo secondo. Viaggio all’interno del mondo delle ragazze lao tra bugie e verità.

Cercare di spiegare razionalmente i comportamenti di popoli che vivono nella più completa irrazionalità è un’opera di pura speculazione. E gli asiatici sono del tutto irrazionali.
“Mi ha detto questo, quindi significa che…”, “Ha fatto così, dunque l’avrà fatto perché…”: ragionamenti e quesiti come questi sono figli del nostro modo di vivere, quello in cui la ragione, generalmente, prevale sull’istinto.
L’Asia non è l’Italia. Gli asiatici sono capaci di comportamenti irrazionali e imprevedibili, cambiano idea ogni due minuti, sono poco affidabili e soprattutto raccontano un sacco di balle.
Dire di no, o assumere posizioni atte a rifiutare qualcosa (che sia un bicchiere di vino o un invito a casa), è assai maleducato per un orientale. Una ragazza lao, ad esempio, preferirebbe farsi versare il vino nel bicchiere e non berlo piuttosto che dire al cortese commensale che è astemia. Non è affatto raro che una ragazza, appena conosciuta in un bar o in una discoteca, acconsenta ad un invito a casa da parte di un ragazzo salvo poi, al primo semaforo, guizzare via facendo perdere le sue tracce. Nulla di più facile che il giorno successivo vi chiami per chiedervi di uscire insieme come se nulla fosse.
I comportamenti di una ragazza lao sono influenzati da alcuni semplici fattori: il livello d’istruzione, il contesto urbano di origine e il contatto con la cultura occidentale possono cambiare radicalmente il carattere di una ragazza trasformandola da ragazza educata, premurosa e votata alla famiglia a una spietata sanguisuga approfittatrice, ma questo è l’argomento che affronteremo nella prossima puntata.
State sintonizzati.

Vai al capitolo 3

Un pensiero riguardo “Ragazze lao: istinto o ragione? [cap.2]

Rispondi