Ragazze lao: alla scoperta di un mondo inesplorato [cap.9]

ragazze lao
Le forme atipiche di una ragazza lao – © foto Mauro Proni 2014

Capitolo nono. Viaggio all’interno del mondo delle ragazze lao tra bugie e verità.

Il falang riscuote successo in Oriente per via di alcuni fattori fisici: la pelle chiara, il naso grosso (rispetto a quello asiatico), i peli sul corpo (soprattutto per quelli sulle braccia) e, ebbene sì, anche per le dimensioni dell’organo sessuale.

Il membro sessuale maschile degli orientali è generalmente più piccolo di quello di un falang e per tale motivo sono molte le ragazze che, una volta scoperto che gli uomini non sono tutti uguali, preferiscono partner stranieri a quelli locali.
Il rapporto sessuale per l’orientale medio è un fatto genitale: preliminari e baci non fanno parte della cultura locale. Le nuove generazioni stanno imparando ad apprezzare tutto ciò che va oltre il mero contatto fra due organi genitali: che sia il racconto dell’amica o il filmatino trovato in Rete, quando una ragazza incrocia lo sguardo di un falang, il più delle volte pensa di trovarsi di fronte a una specie di stallone capace di acrobazie sessuali inimmaginabili.
Per chi decide di scegliersi una compagna tra le ragazze che non hanno mai avuto esperienze con stranieri è bene non trascurare gli elementi di diversità. Le eccessive dimensioni del membro maschile possono rendere doloroso il rapporto sessuale poiché baci alla francese e rapporti orali non fanno parte della cultura locale.
Scegliere di frequentare una ragazza locale che non ha mai avuto esperienze con stranieri può dare maggiori garanzie in termini di affidabilità e serietà.
Oggi gli strumenti per esplorare mondi sconosciuti ci sono, ma è bene ricordare che una ragazza che sul piano sessuale non fa mancare nulla al suo partner potrebbe nascondere un passato diverso da quello che racconta.

Vai al capitolo 10

Un pensiero riguardo “Ragazze lao: alla scoperta di un mondo inesplorato [cap.9]

Rispondi