I dinosauri della Danimarca australiana

cutting_edge_int_001«Sapete dove si trova l’Australia?»
«No»
«È qui, sulla mappa. Conoscete qualche città australiana?»
«Danimarca»
«La Danimarca è un Paese europeo. Le principali città australiane sono: Perth, Canberra, Melbourne, Sidney, Adelaide, Brisbane. Qualcuno di voi è mai stato in Australia?»
«No»
«Sapete cos è l’Outback australiano?»
«No»
«Sapete dirmi qualche animale che vive in Australia?»
«I dinosauri»
«Va bene, parliamo di Luang Prabang, l’antica capitale del Laos. Ci siete mai stati?»
«No»

E’ un po’ che non scrivevo di scuola e oggi lo voglio fare cominciando così. Una barzelletta? Nient’affatto. Si tratta di uno scambio di battute che ho avuto con alcuni miei studenti durante una lezione di inglese, qualche giorno fa.

Le scuole di lingue, in Laos, organizzano corsi prevalentemente serali, essendo rivolte principalmente a studenti che di giorno frequentano la scuola pubblica. Gli istituti statali non prevedono corsi di lingue e, se li prevedono, la qualità dell’offerta educativa è talmente modesta da rendere necessario un reinforcement esterno. Purtroppo però gli insegnanti delle scuole di lingua, anche se native speaker con tanto di laurea, si devono quotidianamente confrontare con studenti impreparati a tutto campo, soprattutto in storia e geografia.
I libri di testo utilizzati in queste scuole, ancorché certificati Cambridge o Oxford University, rappresentano il primo ostacolo. Siamo onesti: sono fatti per studenti di cultura occidentale, non per asiatici. I temi trattati, le foto a supporto e le storie proposte, anziché facilitare la comprensione di concetti grammaticali o espressioni linguistiche, complicano le cose. Chiunque trovandosi di fronte ad una pagina intitolata Around the world – Design a tour raffigurante una mappa dell’Australia e la foto di un koala sarebbe portato a immaginare che, di lì a poco, si parlerà più o meno di un viaggio in Australia, di mezzi di trasporto, clima, luoghi da visitare e fauna locale. Ma se il vostro discente è uno studente della scuola pubblica laotiana non siatene così certi. Innanzi tutto non avrà la minima idea di dove si trovi l’Australia sul planisfero, non conoscerà alcuna delle principali città, non avrà un’idea del suo clima, degli animali che la abitano, non avrà idea della distanza che la separa dal Laos. Non solo. Nella maggior parte dei casi quel ragazzo non avrà mai preso un’aereo, non avrà mai visto in treno e, con tutta probabilità, avrà mai messo piede fuori dalla sua città.
In questo panorama sconfortante, come se non bastasse, gioca un ruolo fondamentale l’assenza di metodo di studio che ogni scolaro laotiano si porta dietro fin dalla tenera età. Gli insegnanti della pubblica, pagati poco e nemmeno regolarmente, tendono a lasciar copiare dal libro durante i compiti scritti, a non fare interrogazioni individuali ed a promuovere tutti, il tutto per avere meno grane possibili. Il risultato è presto detto: preparazione scarsa, poca disciplina, nessun metodo di studio, niente meritocrazia, nessuno stimolo. Un fardello che gli scolari di oggi si trascineranno nel mondo del lavoro cui approderanno una volta terminati gli studi, se proprio così vogliamo chiamarli, con una buona dose di immaginazione.

Informazioni su promau

fotografo per diletto, viaggiatore per passione

Pubblicato il 29 settembre 2016, in (trying to) Teach English in Laos, Laos con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: