Inutile incazzarsi, il ministro ha ragione.

2012-12-28 11.57.33.jpg

Turista riverso sul marciapiede dopo una notte di bagordi in una nota località turistica thailandese – © foto Mauro Proni 2012

E’ una notizia di qualche settimana fa. Il ministro Poletti ha avuto parole poco tenere con gli italiani all’estero, sostenendo che molti di loro è meglio non averli tra i piedi e che in Italia non sono rimasti solo dei ‘pistola’.
Al contrario di molti espatriati, da italiano all’estero non mi sono sentito offeso, anzi. In fondo che ha detto di male il ministro? Pensando alla fauna expat locale trovo tutto ciò banalmente vero.
Scappati di casa, delinquenti, falliti, alcolizzati, drogati, nullafacenti, perdigiorno: il panorama degli espatriati che bazzicano nel Sud-Est asiatico, italiani e non, è sconfortante.
L’espatriato tipo che finisce a lavorare a Londra non è lo stesso che approda in Asia. A Londra se sei uno sfaccendato non trovi lavoro nemmeno come volontario; in Asia, considerato il basso costo della vita, il clima favorevole e la carenza di certi servizi, c’è posto per tutti. O almeno così qualcuno pensa, talvolta sbagliandosi di grosso.
Di camionisti che si improvvisano cuochi l’Asia è piena. In Italia non potrebbero nemmeno aprire una lavanderia a gettoni, qui si atteggiano a chef stellati. Bassi costi di investimento, poca burocrazia, poche regole: «Che ci vuole per aprire un ristorante? Sono italiano e so fare la carbonara». Ecco.
Stessa cosa per chi ha il vizio del fumo e dell’alcool. Quale posto migliore di Thailandia, Cambogia o Laos per vivere? Marijuana e birra a basso costo: il paradiso dello sbandato è servito.
Qualche anno fa incontrai un funzionario della nostra ambasciata di Bangkok. In attesa del nostro aereo facemmo una chiacchierata. A.F. conosceva bene le carceri thailandesi perché ci era dovuto andare per assistere i nostri connazionali che ci finivano dentro a vario titolo. «Non ce n’è uno normale» mi disse. E se lo diceva lui.
E’ notizia di ieri che due ragazzi italiani in vacanza a Krabi sono stati arrestati per aver strappato alcune bandiere thailandesi esposte su una strada pubblica. «Eravamo ubriachi» hanno detto davanti alle telecamere.
Purtroppo l’Asia di gente così ne è piena. Negli ultimi due anni la Thailandia ha reso sempre più stringenti i criteri per soggiornare nel Paese, sia che si tratti di turisti, che di espatriati. Troppi lavoratori clandestini, troppi sfaccendati, troppe persone che non si sa cosa facciano e come campino nella terra dei sorrisi. Il tempo delle porte aperte a tutto e tutti è finito. Quando gli stranieri sono troppi, si selezionano quelli che vale la pena tenersi. E nei Paesi del Sud-Est asiatico il denaro è un parametro che ti apre un sacco di porte.

Informazioni su promau

fotografo per diletto, viaggiatore per passione

Pubblicato il 10 gennaio 2017, in Attualità, Thailandia, Uncategorized con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: