H’mong, i lao delle montagne

bambini h'mong

H’mong, i lao delle montagne

L’etnia di minoranza H’mong è presente in Laos dalla seconda metà del ‘800. Provenienti dalla Cina meridionale e dal Vietnam, sono altrimenti detti lao suung – letteralmente “lao alti” -, ovvero “lao delle montagne”, poiché le comunità h’mong sono stabilite prevalentemente nelle aree montuose.

I h’mong laotiani rappresentano il 8% circa della popolazione e sono la seconda minoranza etnica più cospicua del Paese, preceduti solo dai khmu, i lao delle zone collinari.

I h’mong sono divisi in clan in base all’antenato maschio e si possono sposare solo tra tra clan diversi. Le donne sono generalmente dedite alla tessitura, al ricamo e all’agricoltura, attività che praticano con la collaborazione della prole.

Il lavoro fin dalla tenera età è un elemento essenziale alla sopravvivenza delle comunità, garantendo un apporto insostituibile al mantenimento del nucleo famigliare.

I h’mong si sposano molto giovani. E’ raro raggiungere la maggiore età senza aver ancora contratto matrimonio: una ragazza di 18 anni senza marito è considerata già vecchia per l’unione coniugale.

Capita che i più giovani, per nulla attratti da una prospettiva di vita tra una casa di legno e il duro lavoro nei campi, decidano di spostarsi in città, per lavorare nella ristorazione, nell’hospitality e nei servizi alla persona. Sono scelte che possono segnare per sempre il futuro di un h’mong, uomo o donna che sia, in quanto il passare degli anni potrebbe pregiudicare definitivamente la possibilità di trovare un partner.

I h’mong costruiscono case di legno a sezione rettangolare, con assi piantate a terra. La stanza da letto è sita sempre alla sinistra dell’ingresso. Il pavimento, di terra battuta, ospita gli utensili per cucinare, un televisore a tubo catodico e qualche sedia.

Lo strumento musicale tradizionale è il kaen, un organo a bocca a forma di “L”. Si usa per invocare gli spiriti in occasione delle nascite, dei matrimoni e dei funerali, ma non va mai suonato in casa perché potrebbe attirare gli spiriti malvagi.

La visita ai villaggi h’mong fa parte dei miei tour che includono il Laos settentrionale.
Consulta le mie proposte di viaggio e fatti ispirare.
Tra poco sarà di nuovo possibile tornare a viaggiare.

libro Laos mauro Proni

L’unico libro in lingua italiana che vi farà scoprire il Laos, uno dei Paesi meno conosciuti dell’Asia.

Mauro in Asia

Mi chiamo Mauro e sono capitato nel sud-est asiatico quasi per caso. Il Laos mi ha colpito a tal punto da scriverci un libro. Attualmente mi divido tra il settore turistico e quello della formazione, senza rinunciare alle mie passioni: viaggiare e raccontare. Con una penna, un cellulare e una tastiera.

Rispondi

C’è un eBook GRATUITO che ti aspetta!

ebook gratuito Laos

⇒ ⇒ SCARICA ORA!  ⇐ ⇐

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: