La lenta ripresa dopo il lockdown

la lenta ripresa dopo il lockdown

La lenta ripresa dopo il lockdown

Qualche giorno fa la Cambogia ha annunciato in pompa magna la riapertura dei confini; in Thailandia se ne è discusso pochi giorni fa; il Laos è stato più cauto.

Cosa c’è di vero in tutto questo?

Dietro ai titoloni in grassetto e ai sorrisi smaglianti delle foto acchiappaclick si nasconde una situazione che è ancora lontana dal definirsi positiva.

La Cambogia ha annunciato la riapertura con alcune limitazioni. Per entrare nel Regno occorre essere in possesso di un certificato Covid negativo non più vecchio di 72 ore e un’assicurazione sanitaria con massimale non inferiore a 50.000 USD, che copra i costi di ricovero anche in caso di contagio dal famigerato virus.

A parte il costo della polizza (che secondo alcune fonti è assai elevato), è difficile immaginare di poter trovare un volo disponibile in sole 72 ore. Sono pochi i Paesi che hanno voli diretti sulla Cambogia e, nel caso di volo che preveda uno scalo, la disciplina del Paese di transito complicherebbe la faccenda. E il prezzo? E’ noto che sotto data il costo dei biglietti è sempre più elevato.

Ammesso e non concesso che riusciate a raggiungere Phnom Penh, all’arrivo sarete sottoposti a un tampone e non potrete lasciare l’aeroporto fino all’esito del test.

Ma il bello viene ora.

Anche se sarete negativi al Covid, è sufficiente che un solo passeggero del vostro stesso volo sia positivo al tampone per essere caricati su un bus e trasferiti presso una struttura governativa dove trascorrere la quarantena obbligatoria di 14 giorni.

Se non vi è ancora passata la voglia di viaggiare, continuate a leggere.

Con il decreto del 28 maggio, la Thailandia ha annunciato la riapertura dei confini dal 1 luglio 2020 con analoghe limitazioni, richiedendo una polizza sanitaria a copertura “covid19” non inferiore a 100.000 USD.

Ora tenetevi forte.

Anche in caso di tampone negativo, all’arrivo in Thailandia sarete accompagnati presso una struttura governativa dove dovrete passare 14 giorni in regime di quarantena. A spese vostre!

Non è dato sapere dove sarete accompagnati, anche se è difficile immaginare che si tratti di un resort con piscina; più probabilmente si tratterà di un capannone dismesso o una ex caserma. Non è nemmeno chiaro l’importo giornaliero dovuto, quale tipo di alloggio vi verrà assegnato e con quali facililties.

Dichiarazioni ufficiali a parte, il messaggio suona piuttosto come un invito ad andare altrove.

Il piccolo Laos ha mostrato maggiore saggezza ribadendo la chiusura dei confini e annunciando la riapertura, dal 1 giugno 2020, di scuole, stadi, mercati notturni, escludendo solo discoteche e karaoke bar. Dopo il 30 giugno? Si vedrà.

A conti fatti, siamo all’inizio di un nuovo periodo di incertezza. Mentre il polverone si va alzando, lungi dal vedere la luce, rischiamo di trovarci sull’orlo di un disastro economico, almeno per quanto riguarda il turismo e il settore dei trasporti aerei.

libro mauro proni - copertina

Il mio primo impatto con il sud-est asiatico risale al 2010, e fu devastante.
Due anni dopo ci tornai per un lungo viaggio a cavallo di sei Paesi. Doveva essere solo un’esperienza rigenerante e invece finii per scavare dentro me stesso.
Quei sei mesi cambiarono la mia vita.

Mauro in Asia

Mi chiamo Mauro e sono capitato nel sud-est asiatico quasi per caso. Il Laos mi ha colpito a tal punto da scriverci un libro. Attualmente mi divido tra il settore turistico e quello della formazione, senza rinunciare alle mie passioni: viaggiare e raccontare. Con una penna, un cellulare e una tastiera.

Rispondi

C’è un eBook GRATUITO che ti aspetta!

ebook gratuito Laos

⇒ ⇒ SCARICA ORA!  ⇐ ⇐

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: