Laos

Bambina raccoglie la plastica

La raccolta differenziata in Laos

In Laos un addetto alla raccolta dei rifiuti guadagna circa 50 dollari al mese. E’ il mestiere più degradante che offre il mercato e il peggio retribuito: nessuno lo vuole fare. Per portare a casa qualche soldo in più, i netturbini non si limitano a raccogliere i sacchi, ma li aprono uno ad uno, a mani nude, per cercare qualcosa da rivendere: una bottiglia di plastica, una lattina di alluminio, rottami metallici. Tutto è buono per sbarcare il lunario. La raccolta differenziata in Laos si fa così, con il fai da te. Non raramente anziane e bambini si danno alla raccolta dei rifiuti riciclabili prelevandoli dai sacchi dei ristoranti o, non raramente, direttamente dai tavoli degli stessi clienti.

Per conoscere altri aspetti della cultura locale non perderti il mio libro, frutto di anni di esperienza e viaggi nel Paese dove il tempo si è fermato. Non è una guida turistica, ma un libro che ti farà conoscere gli usi, i costumi e le tradizioni di uno dei Paesi meno conosciuti dell’Asia.

libro Laos mauro Proni

L’unico libro in lingua italiana che vi farà scoprire il Laos, uno dei Paesi meno conosciuti dell’Asia.

l'aula di una scuola di provincia in Laos

Insegnare inglese in Laos

Immaginate di vivere in un Paese dove l’istruzione obbligatoria è limitata alla scuola elementare.

Immaginate di frequentare una scuola dove non è prevista la bocciatura.

Immaginate che durante il compito in classe sia consentito liberamente copiare.

Immaginate un sistema scolastico dove non si studia la storia.

Immaginate una scuola che non preveda l’assegnazione di compiti a casa.

Infine Immaginate sistema educativo dove gli insegnati, di qualsiasi ordine e grado, vengono assunti in base alle conoscenze che hanno in politica.

Questo è il Laos, un Paese in cui l’aspettativa di vita media è di 62 anni.

I lao non sanno individuare il loro Paese sul mappamondo, non hanno mai letto un giornale e non sanno cosa sia un virus.

I lao credono negli spiriti buoni e in quelli malvagi, pensano che Barack Obama sia un attore e usano la calcolatrice per fare 50 meno 20.

Insegnare inglese in Laos con la forma mentis di un occidentale è arduo.

libro Laos mauro Proni

L’unico libro in lingua italiana che vi farà scoprire il Laos, uno dei Paesi meno conosciuti dell’Asia.

Pakse, gioventù locale

Prime impressioni da espatriato in Laos

Il Laos è la mia nuova casa. Mi sono trasferito da qualche settimana. Le prime impressioni da espatriato in Laos sono ancora incerte, abbozzate. Non so da che parte cominciare e temo di cominciare dalla parte sbagliata, di forzare le tappe, come se per forza debba dire qualcosa.

Calma.

Non è facile vivere in un Paese lontano diecimila chilometri da casa, tra persone che non parlano la tua lingua, che mettono il peperoncino in ogni pietanza, che non usano le posate, che la birra la bevono solo col ghiaccio e che dormono per terra.

In Laos qualsiasi contatto fisico, anche una semplice stretta di mano, è inteso come un gesto intimo; le ragazze nemmeno abbracciano i loro fidanzati. Coabitare con una ragazza locale? E’ vietato.

I prodotti artigianali costano molto meno di quelli industriali: i primi sono fabbricati sul posto, con materiali che mette a disposizione la natura o con articoli riciclati, mentre i secondi vengono importati dai Paesi limitrofi. E i dazi sono salati.

Trovare un serpente sull’uscio della porta non è cosa rara, ma per proteggere la casa  basta che fare l’offerta allo spirito buono.

I bambini non hanno nemmeno un giocattolo, ma sorridono sempre e non piangono mai. Proprio mai.

È per tutti questi motivi che non penso minimamente a tornare indietro, almeno per ora.

Mi sono trasferito in Laos dopo un viaggio lungo sei mesi a cavallo di sei Paesi. Doveva essere solo una vacanza e invece finii per scavare dentro me stesso.

C’è un eBook GRATUITO che ti aspetta!

ebook gratuito Laos

⇒ ⇒ SCARICA ORA!  ⇐ ⇐