Archivi categoria: Vi parlo di me

Il canale YouTube è online!

Mauro in Asia - Il canale YouTube

Ci siamo! Dopo un lungo periodo di preparazione finalmente il canale YouTube Mauro in Asia è pronto. Parleremo di Sud-Est asiatico attraverso immagini, parole ed emozioni.
Per essere aggiornati sui video che verranno pubblicati basta andare sulla home page del canale e iscriversi. Leggi il resto di questa voce

Una vita in Viaggio. Come tutto è cominciato

Mauro Proni

© foto Mauro Proni 2009

Per una strana concomitanza di eventi mi ero trovato all’alba dei trenta a far da palo sulla soglia del bar del paese. E poi…

Di siti e giornali che parlano di viaggi ce ne sono tanti e le mete trattate sono più o meno le stesse: la spiaggia dorata, la piazza medioevale, il museo e l’agriturismo, temi da carta patinata acompagnati dalle solite foto dove tutto è bello, pulito, in cielo splende sempre il sole e tutti sono felici e contenti. Ma cosa significa viaggiare?
Era il lontano 2005 quando cominciai a muovere i primi passi in Europa. Alla televisione non passava giorno che non si raccontasse di un crimine commesso da un romeno. Era l’anno in cui la nostra stampa “libera” era impegnata a raccontarci che i responsabili di tutti i nostri mali erano loro, i romeni. Proprio per questo motivo decisi di andare in Romania. Volevo vedere con i miei occhi, volevo capire. Fu un’esperienza fantastica a tal punto che due anni dopo ritornai nel Paese per visitarne l’entroterra. Altra esperienza indimenticabile. E’ così che tutto è cominciato. Leggi il resto di questa voce

Anno sabbatico…si ritorna

Mauro nella foresta malese

Foresta pluviale, Cameron Highlands (Malesia) – © Mauro Proni 2012

Quasi 7 mesi di viaggio
6 Paesi
Oltre 70 città
3 gastroenteriti
Centinaia di persone
Migliaia di sorrisi.

Questo è il bilancio del mio lungo viaggio che si conclude oggi, con un volo dell Uzbekistan Airlines da Bangkok. È un’esperienza che consigliona tutti, non servono tanti soldi per poterla fare, non serve sapere l inglese alla perfezione, ma solo tanto coraggio di mettersi in discussione e rinunciare alle comodità. Ora si torna in Italia, ma per poco, perché da ottobre mi trasferisco in Laos.
Anche se torno con qualche soldo in meno oggi mi sento l’uomo più ricco del mondo.
Arrivederci Asia.