Laos. La ferrovia di Don Kone [ultima parte]

Nel corso di una decina d’anni, oltre al traffico commerciale si aggiunse anche quello generato dai primi coraggiosi turisti che, dalla vicina Cambogia, risalivano il Mekong fino a Luang Prabang, gioiello coloniale francese del Laos settentrionale, nonché sede della dinastia reale.
Il crescente traffico fluviale indusse le Messaggerie ad allungare nuovamente la rete ferroviaria fino all’isola di Don Det.

Laos. La ferrovia di Don Kone [seconda parte]

Le tensioni tra Francia e Regno del Siam per contendersi le terre ad est del Mekong arrivarono all’apice nel luglio del 1893, quando i francesi occuparono militarmente un tratto del fiume Chao Praya nei pressi di Bangkok. Dopo tre mesi di tensione diplomatica il re del Siam, consapevole della superiorità militare avversaria, rinunciò formalmente ad ogni pretesa sui territori.

Laos. La ferrovia di Don Kone [prima parte]

Gli inglesi, presenti in Birmania fin dal 1824, godevano di importanti esclusive commerciali anche in Thailandia e Cina. La Francia, presente in Cocincina e Cambogia fin dalla fine del ‘700, con l’istituzione del protettorato in Annam e Tonkino del 1884, era divenuta la potenza coloniale egemone nella penisola indocinese.